ENG TEXT BELOW

Il Fiat C.R. 32 fu l’ultimo caccia biplano a battersi con pieno diritto in un conflitto.
Dalla linea piacevole e caratteristica che lo rendeva immediatamente riconoscibile, ciò che colpisce di più del 32 è la sua presenza nelle vivide memorie di molti piloti della Regia Aeronautica che negli anni 30 mettevano le ali.
Erano quelli i loro primi voli su un vero e potente caccia, delle figure acrobatiche, da soli sul cielo campo scrutati dall’occhio attento dell’istruttore, ma soprattutto nelle magnifiche esibizioni in formazione. Aldilà dei mezzi a disposizione infatti, a quei tempi nella filosofia di ingaggio della Regia Aeronautica era ancora molto radicato il concetto del combattimento manovrato, acrobatico, ed i piloti dovevano essere prima di tutto abili ad inanellare tonneaux ed imperiali. Il volo militare espresso quindi come l’espressione di un artista, come era d’uso nella prima guerra mondiale, ma intanto intorno alla bella scuola del volo italiana, viva ancora oggi ai massimi livelli con le impareggiabili “Frecce Tricolori”, il mondo aeronautico militare diventava invece sempre meno romantico, più moderno, veloce e letale. Rimane viva l’immagine di un isolato caccia italiano, forse fu nella battaglia di mezzo agosto, che per sviare la contraerea dai siluranti che si facevano sotto al convoglio nemico si produsse in una serie di acrobazie che probabilmente, forse solo per un attimo, incantarono davvero gli artiglieri inglesi.
Il ’32 ha il suo momento di gloria durante la guerra civile spagnola. Al fianco delle truppe nazionaliste, sotto false identità ed equipaggiati con aeroplani recanti contrassegni nazionalisti, vengono inviati dall’Italia i piloti della Regia Aeronautica. Nasce così l’Aviazione Legionaria la cui missione è quella di contrastare in cielo ed in terra le forze repubblicane. I duelli e le acrobazie sostenuti dai piloti dei “Chirri” Fiat Cr 32 Italiani impegnati a contrastate i Polikarpov I-16 di fabbricazione sovietica rappresenteranno il primo vero banco di prova della guerra aerea moderna che attende l’Italia nel conflitto mondiale che scoppierà di lì a pochi anni.
VAI ALLA TSHIRT DEDICATA AL FIAT CR 32

Legionaria blu Squadratlantica

The Fiat CR 32 was the last biplane fighter to fight with full rights in a conflict.
With a pleasant and characteristic line that made it immediately recognizable, what is most striking about the ’32 is its presence in the vivid memories of many pilots of the Regia Aeronautica who got their wings in the 30s.
Those were their first flights on a real powerful fighter, acting acrobatic figures, alone in the sky scrutinized by the eagle eye of the instructor, or within the magnificent performances in formation. Beyond the available machines, in fact, in that year the concept of maneuvered, acrobatic combat was still deeply rooted in the philosophy of engagement of the “Regia Aeronautica”, and the pilots had to be first of all able to perform tonneaux, rolls and schneiders. Military flight as the expression of an artist, then, as it was stated in the First World War; but in the meantime all around the beautiful school of the italian flight, still alive today at the highest levels with the incomparable “Frecce Tricolori” team, the aeronautical military world changes, became less and less romantic, more modern, faster and deadly. Remains alive the image of an isolated Italian fighter, perhaps it was in the mediterranean battle known as “Battaglia di mezzo agosto” (mid-august battle), which – to divert the anti-aircraft fire away from the torpedo bombers that were attacking the enemy convoy – performed a full serie of acrobatics that probably, perhaps only for a while, really enchanted the British gunners.
The ’32 knows its highest moment of glory during the Spanish Civil War. Alongside the nationalist troops, under false identities and equipped with airplanes bearing nationalist marks, the pilots of the Regia Aeronautica are sent from Italy. This is how the “Aviazione Legionaria” (Legionary Air Force) was born, whose mission is to fight the republican forces in the sky and on the ground. The duels and acrobatics of the italians pilots of the “Chirri” Fiat Cr 32 fighting the republicans Polikarpov I-16 supplied by soviet union, will be the first real test of the modern air war that awaits Italy in the world war that will break out within a few years.
GO TO THE FIAT CR 32 TSHIRT
Fiat Cr32 Squadratlantica

Fiat Cr32 Squadratlantica