1 marzo 1938
Ora che più non sono carne vivo nel suono delle tue parole
lasciate a vagare mutilate d’ascolto in queste stanze
nelle lacrime il sale del tuo piacere mi rimane
ora che più non sono carne
rimango anima
in queste
mura